Giunti per Motori Elettrici: accoppiamento perfetto con il riduttore

Sandro Ghedini
Scritto da
Sandro Ghedini

Il perfetto controllo del movimento nelle automazioni è frutto del lavoro di diversi elementi: primi tra tutti il motore, che di fatto genera il movimento, e il riduttore che invece permette di modulare la velocità in uscita adattandola al tipo di azione che l'impianto o il macchinario dovrà effettuare.

Motore e riduttore devono essere accoppiati in maniera corretta. Affinché ciò avvenga, alcuni componenti ci supportano nel garantire questa “unione”: i giunti per motori elettrici.

Giunti per Motori Elettrici: le problematiche comuni

Il giunto per motori elettrici è il dispositivo che permette di collegare due alberi coassiali, in modo che il movimento meccanico generato dal motore sia trasmesso correttamente al riduttore.

Per garantire un controllo del movimento ottimale è indispensabile che motore e riduttore (o la soluzione completa motoriduttore) siano perfettamente adattabili al tipo di automazione cui verranno applicati. Di conseguenza, anche il giunto tra le 2 componenti deve essere altrettanto adatto a garantire un accoppiamento ottimale.

Di seguito riportiamo alcune delle più comuni problematiche risolvibili con l'utilizzo del giunto tra motore e riduttore.

Usura e surriscaldamento

È una delle problematiche più comuni e riscontrabili negli accoppiamenti rigidi tradizionali: il movimento induce surriscaldamenti e usura precoce del giunto stesso e degli elementi di tenuta lubrificante.

Tribocorrosione

Fenomeno di ossidazione da contatto che nel tempo tende a saldare l’albero motore all’elemento di collegamento con il riduttore. Anche ciò avviene solitamente negli accoppiamenti rigidi tradizionali.

Alberi non perfettamente allineati

Quando si propende per la scelta separata di motore e riduttore, può capitare che non vi sia perfetto allineamento tra i 2 alberi, con conseguente difficoltà di trasmettere il movimento in maniera corretta.

In questi casi la soluzione più immediata è quella di ricorrere a giunti elastici in grado di assorbire le vibrazioni che si vengono a creare.

Ingombro maggiore per l’adattamento del giunto

In modo simile, può anche capitare che, per necessità di progettazione, motore e riduttore non siano perfettamente adiacenti.

A volte la distanza tra riduttore e motore è preventivata già in fase di progettazione e tale da richiedere necessariamente dei giunti con allunga, in modo da mantenere comunque la catena cinematica.

Altre volte invece la distanza è più esigua e, per favorire l’accoppiamento potrebbe essere richiesto un ingombro maggiore del giunto stesso, a discapito però dello spazio di allocazione destinato da progetto alle varie componenti.

Necessità per i distributori di rifornirsi di molteplici soluzioni giunto

Al di là delle problematiche riscontrabili a livello di progettazione e performance, bisogna comunque tenere in considerazione anche le esigenze dei distributori e assemblatori di macchine automatizzate.

Per ogni possibile combinazione motore+riduttore è plausibile che Distributori e Assembly center dei dispositivi automatizzati abbiano bisogno di altrettante soluzioni giunto che garantiscano accoppiamenti perfetti.

Tutto ciò però costa a livello di spese di approvvigionamento e spazio in magazzino.

Kit cover with coupling: il giunto “versatile”

Consapevoli di tutte queste problematiche, abbiamo ideato e reso disponibile un Kit Cover con giunto utilizzabile per motoriduttori a ingranaggi cilindrici CMG e motoriduttori ad assi ortogonali CMB e adattabile a tutti i tipi di motore (IEC e Nema, sia in corrente alternata, che continua o anche brushless).

Il kit è composto da 2 semi-giunti in acciaio e alluminio sino a IEC71, completamente in acciaio da IEC80. Ai semi-giunti viene interposto un elemento elastico in materiale sintetico. Con un unico coperchio, e adattando flangia e semi-giunto lato motore, è possibile adattare il kit ad ogni combinazione di motore.

kit-cover-giunti-per-motori-elettrici

I benefici di questo kit sono diversi:

  • Maggiore flessibilità per distributori e assemblatori che, rifornendosi di un solo tipo di coperchio possono adattare il giunto a vari tipi di motore sostituendo solo la flangia PAM e il semigiunto lato motore
  • Possibilità di essere impiegati su motori brushless anche in assenza di linguetta
  • Eliminazione totale del fenomeno della tribocorrosione
  • Significativa riduzione delle temperature di esercizio
  • Possibilità di mantenere le stesse dimensioni di ingombro del giunto al pari di una qualsiasi altra soluzione a catalogo.

Di che tipo di prodotto hai bisogno per il tuo progetto? Richiedi un confronto tecnico e scoprilo assieme ai nostri esperti.

richiedi un confronto tecnico


Sandro Ghedini

Scritto da Sandro Ghedini

Veterano dei motoriduttori, non esistono settori o applicazioni con cui non abbia avuto a che fare nei suoi 35 anni di esperienza. Quando i clienti cercano soluzioni, non c’è nessuno che possa farlo meglio.
Pre-After Sales Manager

È stato interessante? Lasciaci un commento

ARTICOLI CORRELATI

Un interessante settore studio da analizzare per quanto riguarda l’applicazione di motori, riduttori e motoriduttori di piccole/medie dimensioni è quello delle automazioni barriere stradali, cui si aggiunge anche quello degli ...

3 MINUTI DI LETTURA

I motoriduttori ricoprono un ruolo fondamentale nel rendere possibili vari tipi di movimento nelle automazioni. Ad esigenze specifiche però, alla soluzione motore + riduttore, possono essere associate altre funzioni...

3 MINUTI DI LETTURA