Martinetti Elettrici e motori per macchine di sollevamento merci

Daniele Stanzani
Scritto da
Daniele Stanzani

Quella dei martinetti elettrici è una tecnologia relativamente nuova e in fase di evoluzione. Comincia pian piano a prendere piede nel settore delle macchine di sollevamento, ma non è ancora molto conosciuta e quindi poco considerata per il controllo del movimento delle automazioni.

In questo post spieghiamo come funziona e i possibili campi di applicazione

Martinetti elettrici: cosa sono

Il martinetto è un particolare tipo di riduttore che permette di trasformare un moto rotativo (generato da un motore) in movimento lineare grazie all’impiego di una vite trapezoidale (o una vite a ricircolo di sfere) associata ad una madrevite.

Il principio di funzionamento è lo stesso che si applica ai cric, dove si genera manualmente un movimento rotativo (grazie ad una manovella) per indurre una spinta utile a sollevare il veicolo. Nel caso del martinetto elettrico invece il movimento deriva da un motore elettrico e viene convertito da rotativo a lineare.

La traslazione lineare generata dal martinetto elettrico permette il movimento in entrambi i sensi (avanti e indietro) ed entro una determinata corsa (estensione del movimento lineare).

Il martinetto elettrico è così composto:

  • Riduttore > la parte del dispositivo che riduce la velocità ma, cosa più importante, moltiplica la coppia motore (potenza del moto rotativo in uscita)
  • Parte lineare > l’elemento che converte il movimento rotativo in lineare.

Alla base del movimento c’è un motore elettrico (in corrente alternata, continua o brushless).

Variabili per una corretta valutazione del martinetto

Quando si valuta l’applicazione di un martinetto meccanico ad un progetto di automazione i parametri fondamentali da tenere in considerazione sono 2:

  • la corsa, che come detto poco fa è la distanza o estensione del movimento lineare misurata in millimetri; maggiore è la corsa richiesta dal progetto, maggiore sarà anche l’ingombro complessivo del martinetto stesso
  • la coppia, quindi la potenza del moto rotativo generata dal motore elettrico e moltiplicata dal riduttore di giri (misurata in newton per metro o N m)
  • la forza di spinta o di tiro lineare (misurata in newton o kg forza), ovvero la potenza impressa dal movimento lineare.

Applicazioni per martinetti elettrici

Il concetto di forza appena citato è l’elemento chiave per spiegare in quali contesti sono utilizzabili i martinetti. La principale applicazione dei martinetti meccanici riguarda macchine o dispositivi di sollevamento come piccoli carrelli elevatori per la movimentazione merci all’interno dei magazzini.

Ciò però non esclude che il martinetto elettrico possa risultare ottimale anche per altri tipi di automazione… tutto dipende dalle esigenze specifiche del tuo progetto.

Come scegliere il martinetto ideale?

Ecco quali parametri dovresti valutare attentamente nella scelta del martinetto ideale per il tuo progetto:

  • Qualità dei materiali > la vera differenza nella vita utile di un martinetto è la qualità e resistenza dei materiali costruttivi selezionati per il tuo progetto specifico; noi in tal senso ti assicuriamo standard molto elevati.
  • Esperienza decennale dei nostri tecnici > chi ti seguirà in tutta la fase di realizzazione è personale altamente qualificato e di lunga esperienza nel campo del controllo automatizzato del movimento
  • Attenta progettazione interna > definito l’uso del martinetto elettrico per sviluppare il tuo macchinario, affidandoti a noi ti assicuri una progettazione completamente internalizzata che fa ricorso anche ai più sofisticati software di calcolo
  • Lavorazione meccaniche applicate > assicuriamo lavorazioni di alta precisione e totalmente “made in Italy”… una vera e propria garanzia!
  • Range di personalizzazione > ultima, ma non meno importate, è la possibilità di personalizzare il progetto sulle tue esigenze specifiche; partendo dalla l’ampia modularità dei nostri prodotti poi possiamo anche adattare la nostra componentistica standard apportando piccole e rapide modifiche.

Raccontaci il tuo progetto. Inizia il nostro percorso guidato e configura la migliore soluzione per te.

configura il tuo prodotto ideale


Daniele Stanzani

Scritto da Daniele Stanzani

Specialista del Pre-Post Vendita, puntuale e preciso nelle risposte e nelle soluzioni. Punto di riferimento importante per tutti i clienti e anche per i colleghi.
Pre-After Sales Dept.

È stato interessante? Lasciaci un commento

ARTICOLI CORRELATI

Verricelli e argani sono dispositivi usati per lo spostamento di pesi considerevoli. Entrambi gli strumenti quindi ricorrono a motori elettrici e a riduttori di giri per il loro funzionamento.

Ma come individuare le...

2 MINUTI DI LETTURA

Anni e anni di esperienza nel campo della riduzione di potenza ci hanno insegnato che la buona riuscita di un progetto dipende dall’analisi delle variabili in gioco fatta in fase preliminare. Conoscere tutti i dettagli...

3 MINUTI DI LETTURA

I nastri trasportatori sono una costante in molti settori industriali. Giocano un ruolo strategico in diverse filiere produttive e rendono la catena di lavorazione più rapida ed efficiente.

All’origine del movimento dei nastri...

3 MINUTI DI LETTURA