Motori elettrici brushless in classe IP55: potenza e massima sicurezza

Daniele Stanzani
Scritto da
Daniele Stanzani

I motori elettrici brushless sono dispositivi privi di spazzole, quindi non necessitano di contatti elettrici striscianti per funzionare.

Questo potrebbe apparire un dato poco rilevante, ma in realtà non è affatto così, perché grazie a questa caratteristica un motore brushless non ha al suo interno quelle naturali scintille che si generano quando i collettori rotanti chiudono il circuito elettrico tra l’alimentazione e gli avvolgimenti.

In più, la certificazione IP55 li rende più sicuri in quanto resistenti a liquidi, polvere e altre particelle solide.

Come funzionano i motori elettrici brushless?

I motori elettrici brushless in corrente continua sono gestiti da azionamenti che controllano la commutazione della corrente. Gli azionamenti consentono la completa rotazione del campo magnetico e di conseguenza dell’albero d’uscita.

In questo modo i motori brushless risultano nettamente più performanti dei “motori con le spazzole”, oltre ovviamente a essere più sicuri e resistenti, richiedendo una minore manutenzione a fronte di un maggiore utilizzo.

Motori elettrici brushless: i vantaggi

Per rendere più comprensibili i numerosi vantaggi dei motori brushless possiamo riportare a titolo d’esempio una delle loro più importanti applicazioni: le vetture nella Formula E.

I dispositivi senza spazzole funzionano meglio e più a lungo. Questo rappresenta certamente un ottimo punto di partenza per scegliere un motore brushless.

Parlando di corse automobilistiche, ma non solo, emergono altri due punti molto importanti:

  • grande controllo che in Formula E si riscontra sia in accelerazione che in velocità, con i magneti permanenti posizionati sul rotore e realizzati con appositi materiali che permettono di avere un’inerzia rotorica molto bassa
  • ottimo rapporto potenza/ingombro, specie se consideriamo l’incredibile coppia che riescono a erogare nell’immediato.

L’assenza di spazzole, inoltre, non solo migliora il funzionamento e aumenta il ciclo di vita di un motore brushless, ma gli consente anche di eliminare il rumore elettromagnetico che caratterizza i motori elettrici che invece ne sono provvisti.

Ciclo di vita e performance, che vengono migliorati anche da un altro aspetto molto importante: la certificazione IP55.

Motori elettrici brushless in classe IP55: il significato

Detta in maniera molto semplice, se un dispositivo, qualunque esso sia, è certificato IP55, significa che è resistente alla polvere e all’acqua.

La classe IP, chiamata anche grado di protezione o marcatura internazionale di protezione (Ingress Protection in inglese) è un parametro che classifica e definisce la protezione contro l’ingresso di particelle solide e liquide in involucri che contengono parti elettriche ed elettroniche.

Ogni cifra del parametro definito dallo standard internazionale IEC60529, indica diverse condizioni: il primo 5 indica la resistenza alla polvere, mentre il secondo 5 certifica la protezione contro i liquidi.

Una certificazione internazionale molto importante che, se unita al fatto di poterli “customizzare” in funzione del campo di applicazione e dell’utilizzo, rende i motori elettrici brushless altamente resistenti, performanti e affidabili.

Continua a leggere nel nostro Blog:


Cerchi il motore brushless più idoneo alle tue applicazioni? Inizia a configurare la soluzione ideale per le tue esigenze.

configura il tuo prodotto ideale


Daniele Stanzani

Scritto da Daniele Stanzani

Specialista del Pre-Post Vendita, puntuale e preciso nelle risposte e nelle soluzioni. Punto di riferimento importante per tutti i clienti e anche per i colleghi.
Pre-After Sales Dept.

È stato interessante? Lasciaci un commento

ARTICOLI CORRELATI

I motoriduttori brushless si distinguono dai comuni motori in corrente continua perché privi di contatti magnetici striscianti. Una tecnologia che garantisce prestazioni più elevate e durature, soprattutto se applicata a...

2 MINUTI DI LETTURA

I motoriduttori ricoprono un ruolo fondamentale nel rendere possibili vari tipi di movimento nelle automazioni. Ad esigenze specifiche però, alla soluzione motore + riduttore, possono essere associate altre funzioni...

3 MINUTI DI LETTURA

Il perfetto controllo del movimento nelle automazioni è frutto del lavoro di diversi elementi: primi tra tutti il motore, che di fatto genera il movimento, e il riduttore che invece permette di modulare la velocità in uscita...

3 MINUTI DI LETTURA